Società Dantesca Italiana
Consultazione opere
a cura del comitato scientifico della SDI

    Rima  
  
  
  
Rime - ed. Barbi - Rima I

Rime della Vita Nuova
DANTE AI FEDELI D’AMORE
A ciascun'alma presa e gentil core
nel cui cospetto ven lo dir presente,
in ciò che mi rescrivan suo parvente,
salute in lor segnor, cioè Amore.
4
Già eran quasi che atterzate l'ore
del tempo che onne stella n'è lucente,
quando m'apparve Amor subitamente,
cui essenza membrar mi dà orrore.
8
Allegro mi sembrava Amor tenendo
meo core in mano, e ne le braccia avea
madonna involta in un drappo dormendo.
11
Poi la svegliava, e d'esto core ardendo
lei paventosa umilmente pascea:
appresso gir lo ne vedea piangendo.
14


[Vita Nuova III 10-12]