Società Dantesca Italiana
Consultazione opere
a cura del comitato scientifico della SDI

    confronta con ed. Contini
  
  
  
Detto d'Amore - ed. Allegretti

Amor sì vuole, e par-li
Ch’i’ ’n ogni guisa parli
E ched i’ faccia un Detto,
Che sia per tutto detto
Ch’i’ l’agia ben servito.
5
Po’ ch’e’ m’ebe inservito,
E ch’i’ gli feci homaggio,
I’ l’ò tenuto Ho•Maggio,
E terò giama’ senpre;
E questo fin asenpr’è
10
A ciascun amoroso,
Sì c’Amor amo-roso
No•gli sia nella fine,
Anzi ch’e’ metta a fine
Ciò, ch’e’ disira avere,
15
Che val me’ c’altro avere.
Ed egli è sì cortese
Che, chi gli sta cortese
Od a man giunte avante,
Esso sì ’l mette avante
20
Di ciò ched e’ disira,
E di tutto il dis-ira.
Amor non vuol logagio,
Ma e’ vuol ben lo gagio,
Ch’è ’l tu’ cuor, si’a lu’ fermo.
25
Allor dicie: «I’ t’afermo
Di ciò, che•ttu domandi,
Sanza che•ttu do-mandi».
E’ donati in presente,
Sanz’esser in presente,
30
Di fino argiento o doro;
Perch’i’ a•llui m’adoro
Come leal Amante.
A•llu’ fo graze, amante
Quella, che d’ogne bene
35
È sì guernita bene,
Che ’n le’ non truov’uon pare;
E quand’ella m’apare,
Sì grande gioia mi dona
Che lo me’ cor s’adona
40
A le’ senpre servire,
E di le’ vo serv’ire,
Tant’à in le’ piacimento.
Non so se piacimento
Le sia ched i’ la serva:
45
Almen può dir che serv’à,
Come ch’i’ poco vaglia.
Amor nessun non vaglia,
Ma ciaschun vuole ed ama,
Chi di lui ben s’inama,
50
E di colu’ fa forza
Che con piacier fa forza
E non-à, in nulla, parte.
Amor i•nulla part’è
Ch’e’ non sia tutto presto
55
A fine amante presto.
Così sue cose livera
A chi l’amor no•llivera
E mette pene e ’ntenza
In far sua penetenza,
60
Tal chente Amor comanda
A chi a•llu’ s’acomanda;
E chi la porta in grado,
Il mette in alto grado
Di ciò, ched e’ disia:
65
Per me cotal dì sia!
Per ch’i’ già non dispero,
Ma ciaschedun dì spero
Merzé, po’ ’n su’ travaglio
I’ son, sanza travaglio,
70
E sonvi sì legato
Ch’i’ non vo’ che Legato
Giamai me ne prosciolga:
Se•nn’à d’altri pro’, sciolga!
Ch’i’ vo’ c’Amor m’aleghi,
75
Che che Ragion m’alleghi:
Di lei il me’ cor sicura,
Né più di lei non cura.
Ella si fa diessa:
Né•ffu né fia di essa.
80
Amor blasma e disfama
E dicie ch’e’ difama,
Ma non del mi’, ciertano:
Perch’i’ per le’ ciertan ò
Che ciaschedun s’abatte;
85
Me, che d’Amor sa, batte,
Ed a me dicie: «Folle,
Perché così t’afolle
D’aver tal signori[a]?
I’ dico signo•ri’à
90
Chi porta su’ sugiello.
I’ per me non sugiello
Della sua ’nprenta, breve,
Ch’è troppo corta e breve
La gioia, e la noia lungha.
95
Or taglia ’ gieti, e lungha
Da lui, ch’egl’è di parte
Che, chi da lu’ si parte,
E’ fugie, e si va via.
Or non tener sua via,
100
Se vuo’ da•llui canpare;
E se non, mal camp’are,
Che biado non vi grana,
Anzi perde la grana
Chiunque la vi gietta.
105
Perdio, or te ne gietta
Di quel falso diletto,
E fa che sia a diletto
Del mi’, ched egli è fine,
Che dà gioia sanza fine.
110
Lo Dio, dov’ài credenza,
Non ti farà credenza
Se non come Fortuna.
Tu•ssè in gran fortuna,
Se non prendi buon porto
115
Per quel, ched i’ t’ò porto,
Ed a me non t’aprendi,
E ’l mi’ sermone aprendi.
Or mi rispondi, e di’,
Ch’egli è ancor gran dì
120
A farmi tua risposta;
Ma no mi far risposta
A ciò, ch’i’ ò proposato.
Dì tu se pro’ posat’ò».
E, quand’i’ ebi intesa 125
Ragion, ch’è stata intesa
A trarmi de la regola
D’Amor, che ’l mondo regola,
I’ le dissi: «Ragione,
I’ ò salda ragione
130
Con Amor, e d’acordo
Sian ben del nostro acordo,
Ed è scritto a mi’ conto
Ch’i’ non sia più tu’ conto.
È la ragion dannata,
135
Perch’i’ t’ò per dannata,
Ed ebi per convento,
Po’ ch’i’ fu’ del convento
D’Amor, cu’ Dio mantengha,
E senpr’e’ me mantengha.
140
Tu mi vuo’ trar d’amare,
E di’ c’Amor amar’è:
I’ ’l truova’ dolcie e fine,
E su’ comincio, e fine
Mi piaque, e piacierà,
145
Ché ’n sé gran piacier’à.
Or come vivereo?
Sanz’Amor vive reo
Chi si governa al mondo;
Sanz’Amor egli è mondo
150
D’ognie buona vertute,
Né non può far vertute;
Sanz’Amor sì è nuia,
Che, con chu’ regna, envia
D’andarne diritto al luogo
155
Là dove Envia à•lluogo.
E perciò non ti credo,
Se•ttu diciess’o il Credo,
E ’l Pater nostro, e•ll’Ave.
Sì poco in te senn’ave.
160
Adio, ched i’ mi torno,
E fine Amante torno
Per devisar Partita
Com’ell’è ben partita
E di cors e di menbra,
165
Sì come a me mi menbra».
Cape’ d’oro battuto
Paion, che m’àn battuto,
Quelli, che porta in capo,
Per ch’i’ a•llor fo capo.
170
La sua piaciente ciera
Nonn-è senbiante a ciera,
Anz’è sì fresca e bella
Che lo me’ cor s’abella
Di non le mai affare,
175
Tant’à piaciente affare.
La sua fronte, e le ciglia,
Bieltà dogni’altr’eciglia:
Tanto son ben voltati
Che ’ mie’ pensier’ voltati
180
Ànno ver’ lei, che gioia
Mi dà più c’altra gioia.
In su’ Dolze-Riguardo
Di nu•mal à riguardo,
Cu’ ella guarda in viso,
185
Tant’à piaciente aviso,
E dà sì chiara lucie
Ch’al sol to’ la sua lucie,
E l’oscura, e l’aluna,
Sì come il sol la luna.
190
Perch’i’ a quella spera
Ò messa la mia spera,
E, s’i’ ben co•llei regnio,
I’ non vogli’altro regnio.
La bocca, e ’l naso, e ’l mento
195
À più belli, e non mento,
Ch’unque nonn-ebe Alena;
Ed à più dolcie alena
C’[à ne]ssuna pantera,
Perch’i’ ver’ sua pantera
200
I’ mi sono, ’n fed’, ito,
E dentro vo’ fedito
Ed èmene sì preso
Ched i’ vi son sì preso
Che mai, di mia Partita,
205
No•mi farò partita.
La gola sua, e ’l petto,
Sì chiar’è, ch’a Dio a petto
Mi par esser la dia,
Ch’i’ vegio quella Dia.
210
Tant’è biancha e lattata
Che ma’ non fu alattata
Nulla di tal valuta.
A me tropp’è valuta
Chéd ella sì m’à dritto
215
In saper tutto ’l Dritto,
C’Amor usa in sua Corte,
Ch’e’ non v’à legie corte.
Mani à lunghette e braccia,
E chi co•llei s’abraccia
220
Giamai mal nonn-à ghotta,
Né di ren, né di ghotta:
Il su’ nobile stato
Sì mette in buono stato
Chiunque la rimira.
225
Per che ’l me’ cor si mira
In lei e notte, e giorno,
E senpre a•llei agiorno,
Ch’Amor sì•ll’à inchesto,
Néd e’ non à inchesto
230
Se potesse aver termine,
C’amar vorria san’ termine.
E quando va per via,
Ciaschun di lei à ’nvia
Per l’andatura giente,
235
E quando parla a giente,
Sì humil mente parla
Che bocie d’agnol par là.
Il su’ danzar e ’l canto
Val vie più ad incanto
240
Che di nulla serena,
Ché•ll’aria fa serena:
Qando la bocie lieva,
Ogne nuvol si lieva
E l’aria riman chiara.
245
Per che ’l me’ cor sì chiar’à
Di non far giamai canbio
Di lei a nessun canbio;
Ch’ell’è di sì gran pregio
Ch’i’ non troveria pregio
250
Nessun, che mai la vaglia.
Amor, se Dio mi vaglia,
Il terrebe a•ffollore,
E ben seria foll’o re’
Quand’io il pensasse punto.
255
M’Amor l’à sì a punto
Nella mia mente pinta,
Ch’i’ la mi vegio pinta
Nel cor, s’i’ dormo o veglio.
Unque asessino a Veglio
260
Non fu giamai sì presto,
Né a Dio giamai il Presto,
Com’io a servir mante
Per le vertù, ch’à mante.
E s’io in lei pietanza
265
Truov’, o d’una pietanza
Del su’ amor son contento,
I’ sarò più contento,
Per la sua gran valenza,
Che s’io avese Valenza.
270
Se Gielosia à ’n sé gina
Di tormene segina,
Lo Dio d’Amor mi mente:
Chéd i’ ò ben a mente
Ciò, ched e’ m’ebe in grado,
275
Sed i’ ’l servisse a grado.
Ben ci à egli un camino
Più corto, né ’l chamino,
Perciò ch’i’ nonn-ò entrata
Ched i’ per quell’entrata
280
Potesse entrar un passo.
Richeza guarda il passo,
Che non fa buona chara
A que’, che no•ll’à chara.
E sì fu’ i’ sì sagio
285
Ched i’ ne feci sagio
S’i’ potesse oltre gire.
«Per neente t’agire!»
Mi disse, e cho•mal viso:
«Tu•ssè da me diviso,
290
Perciò i’ ’l passo ti vieto;
Non perché•ttu sie vieto,
Ma•ttu no•m’acontasti
Unque, ma mi contasti;
E io ciaschu•schifo,
295
Chi di me si fa schifo.
Va’ tua via, e sì prochaccia,
Ch’i’ so ben, chi pro’ chaccia,
Convien che bestia prenda.
Se fai che Veno inprenda
300
La guerr’a Gielosia,
Come che ’n gielo sia,
Convien ch’ella si renda,
E ched ella ti renda
Del servir guiderdone,
305
Sanza che guiderdone.
Ma tutor ti ricorde:
Se ma’ meco t’acorde,
Oro e argiento aporta.
I’ t’aprirò la porta
310
Sanza che•ttu facci’oste.
E sì avrai ad oste
Folle-Largheza mala,
Che scioglierà la mala,
E farà gran dispensa
315
In sale, ed in dispensa,
E ’n guardarobe, e ’n ciella.
Povertà è su’ anciella:
Quella convien t’apanni,
E che•tti tragha ’ panni,
320
E le tue buone calze,
Che giamai no•lle calze,
E la camiscia, e brache,
Se•ttu co•lle’ t’inbrache.
Figlia fu a Chuor-Fallito:
325
Perdio, guarda ’n fall’ito
Non sia ciò, ch’i’ t’ò detto,
E sie con meco adetto,
E mostra ben voglienza
D’aver mia benvoglienza,
330
Ché Povertat’è insoma
D’ognie dolor la somma.
Ancor non t’ò nomato
Un su’ figluol nomato:
Inbolar huon l’apella;
335
Chi da•llu’ non s’apella,
Egli ’l mena a le forche
Là dove nonn-à for che
E’ monti per la schala,
Dov’ogne ben gli scala,
340
E danza a•ssuon di vento
Sanz’ave•mai avento.
Or sì•tt’ò letto il salmo:
Ben credo a mente sa’ ’l mo’,
Sì ’l t’ò mostrato ad agio.
345
Se mai vien’ per mi’ agio,
Pensa d’esser maestro
Di ciò, ch’i’ t’amaestro:
Che Povertà tua serva
Non sia, né mai ti serva,
350
Ché ’l su’ servigio è malo.
E’ ben può dicier “Mal ò”,
Cu’ ella spoglia o schalza,
Ché d’ogne ben lo schalza,
E mettelo in tal punto
355
Ch’a vederlo par punto.
E gli amici e ’ parenti
No•gli son aparenti:
Ciascun le ren’ gli torna,
E ciaschun se ne torna.
360

[lacuna di 120 versi, al minimo, in base alla consecuzione pelo-carne della pergamena]
Per ch’Amor m’agia matto,
O che mi tengha a matto
Ragion, chu’ i’ poco amo,
Già, se Dio piacie, ad amo,
Ch’ell’agia, no•m’acrocho.
365
Amor m’à cinto il crocho,
Chon che vuol ched i’ tenda,
S’i’ vo’ gir cho•llu’ in tenda.
E’ dicie, s’i’ balestro
Se non col su’ balestro,
370
O s’i’ credo a Ragione
Di nulla sua ragione,
Ch’ella mi dicha, o pungha,
O sed i’ metto in pungha
Richeza per guardare,
375
O s’i’ miro in guardare,
A•llui se non, ciò, ch’ò
Di lui, non faccia cho;
Ma mi gietta di taglia,
E dicie che ’n sua taglia
380
I’ non prenda ma’ soldo,
Per livra, né per soldo,
Ched i’ giama’ gli doni.
Amor vuol questi doni:
Chorpo, e avere, e anima;
385
E chon colui s’inanima,
Chi gliel dà ciertamente,
E chi altra a ciert’à, mente,
E sol lui per tesoro
Vuol ch’on metta ’n tesoro.
390
E, chi di lui è preso,
Si vuol ch’e’ sia apreso
D’ogne bell’ordinanza,
Che ’l su’ bellor dinanza.
Chi ’l cheta com’e’ dee,
395
S’achita ciò, ch’e’ dee.
D’orghoglio vuol sie voto,
Ched egli à fatto voto
D[i] non amarti guar’ dì,
Se d’orghoglio no’l guardi:
400
Ché forte mente pecha
Que’, che d’orghoglio à pecha.
Cortese, e franco, e pro’
Convien che sie, e pro’
Salute e doni, e rendi:
405
Se•ttu a•cciò ti rendi,
D’Amor sarai in grazia:
E’ sì ti farà grazia.
E se sè forte, e visto,
A chaval sie avisto
410
Di pungier giente mente,
Sì che la giente mente
Ti ponghan per diletto.
Non ti truovi di letto
Matino a qualche canto.
415
Se•ttu sai alchun canto,
Non ti pesi il cantare
Quanto pesa un chantare,
Sì che n’oda la nota
Quella, che ’l tu’ cor nota.
420
Se•ssai giuchar di lancia,
Prendila, e sì•lla lancia,
E chorri, e sali, e salta:
Che troppo giente asalta
Far chosa, che•llor segia:
425
Gli mette in alta segia.
Belle robe a podere,
Sechondo il tu’ podere,
Vesti, fresche e novelle,
Sì che n’odi novelle
430
L’amor, chu’ tu à charo
Più che ’l Soldano il Charo.
E, s’elle son di lana,
Sì non ti paia l’ana
A devisar li ’ntagli,
435
Se•ttu à’ chi gli ’ntagli.
Nove scharpette, e chalze
Convien che tuttor chalze;
Della persona conto
Ti tieni; e nul mal conto
440
Di tua bocha non l’oda,
Ma ciaschun pregia e loda.
Servi donne, ed onora,
Ché via troppo d’onor’ à
Chi vi mette sua ’ntenta.
445
S’alchuno il Diavol tenta
Di lor parlare a taccia,
Sì lor dì che si taccia.
Sie largo, e d’altra parte
Non far del tu’ cuor parte;
450
Tutto ’n quel luogo il metti,
Là dove tu l’ametti:
Ch’egli è d’Amor partito
Chi ’l su’ cuor à partito,
Ch’e’ non tien leal fino
455
Chi va come l’alfino,
Ma sol con que’ s’acorda,
Che ’l su’ camin v’a corda.
Mi’ Detto ancor non fino,
Ché d’un Amico fino
460
Chieder convien ti menbri,
Che metta cuor e menbri
Per te, se•tti bisognia,
E ’n ognie tua bisognia
Ti sia fedele e giusto.
465
Ma, fé che do a san Giusto,
Seminati son chiari
I buon’ amici chiari.
Ma, se ’l truovi perfetto,
Piu ricco che ’l Perfetto
470
Sarai di sua conpangna;
E s’ài bella conpangna
La tua fia più sicura,
Che Veno non si cura
Che non faccia far tratto,
475
Di che l’amor è tratto.
Di lor più il fatto isveglia,
Né ma’ per suon di sveglia,
Né per servir, ch’e’ faccia,
No ’l guarda dritto in faccia
480